Archivio tag | albicocche

CONFETTURA DI ALBICOCCHE

confettura-di-albicoccheQuest’estate i miei alberi di albicocche sono stati generosi e mi hanno permesso di preparare delle buonissime confetture. Vi propongo di seguito la ricetta :-).  L’albicocca è ricca di vitamina B, C, PP, ma soprattutto di carotenoidi, precursori della vitamina A. Inoltre è ricca anche di magnesio, fosforo, ferro, calcio e potassio.  Solitamente si usa in preparazioni dolci di vario tipo come gelati, sorbetti, confetture e gelatine, succhi e sciroppi, torte e pasticcini. Tuttavia il loro gusto lievemente acidulo le rende adatte anche ad accostamenti salati, come le salse di accompagnamento alle carni rosse. Esse vengono anche utilizzate in liquoreria: un’acquavite di albicocche viene distillata nel Canton Vallese in Svizzera e porta il nome d’Abricotine, la più rinomata proviene da un’antica varietà, la Luizet. Anche nei Balcani si ottiene un distillato d’albicocca chiamato Kajsija. Il seme dell’albicocca quanto quello della pesca viene detto armellina. Le armelline hanno usualmente un retrogusto gradevolmente amarognolo e vengono usate in pasticceria come essenza, come ingrediente negli amaretti, in sciroppi o liquori e in generale in abbinamento alle mandorle dolci per renderne più interessante il gusto. Tuttavia il loro consumo viene limitato a un uso aromatico poiché, come le foglie e i fiori dell’albicocco, contengono un derivato dell’acido cianidrico che, ad alte dosi, risulterebbe altamente tossico. Sebbene nel tessuto delle piante questa sostanza sia presente in percentuali molto basse e non pericolose, le armelline vanno mangiate con parsimonia.

Ingredienti

1 kg. di Albicocche

500 gr. di Zucchero

Il succo di 1 limone

PREPARAZIONE

Lavate le albicocche, fatele asciugare e togliete se ci sono le imperfezioni della buccia ed il nocciolo. Tagliatele e mettetele in un tegame con il succo del limone e lo zucchero, poi cuocetele a fuoco medio fino alla densità desiderata facendo la prova piattino.

A cottura ultimata versate la confettura nei barattoli precedentemente sterilizzati, chiudeteli e capovolgeteli fino a raffreddamento per creare il sottovuoto. Controllate il clic clac del tappo.