Archivi

TOTANI RIPIENI

totani-ripieniOggi ho pensato di preparare i totani ripieni. Di solito si sente parlare di calamari ripieni ed io stessa li ho sempre preferiti  ma devo dire che anche i totani si prestano bene a questo tipo di preparazione. Veramente ottimi!!! 🙂

Ingredienti

pangrattato

aglio

vino bianco

sale

pepe

olio

prezzemolo

olive taggiasche

capperi

PREPARAZIONE

Si inizia pulendo i totani estraendo la “testa” del tirando in modo da togliere le interiora. Eliminate la conchiglia trasparente e la pelle esterna. Sciacquate e tagliate i tentacoli a piccoli pezzetti che cucinerete a parte per il ripieno dei vostri totani. Quindi mettete in una padella i tentacoli a pezzetti con l’aglio tritato e l’olio e fateli rosolare per alcuni minuti. Sfumate con il vino e aggiungete il pan grattato con del prezzemolo, sale e pepe a vostro piacimento. Unite infine ai tentacoli anche capperi ed olive. Dopo la cottura in padella, mettete il ripieno nei totani aiutandovi con un cucchiaino e chiudeteli con degli stecchini. In una padella scaldate l’olio con uno spicchio d’aglio e cuocete i totani sfumando con il vino bianco.

 

 

FILETTI DI PANGASIO AL PEPE ROSA

filetti di pangasio al pepe rosaIl pangasio rappresenta una delle specie ittiche di maggior rilievo per l’esportazione, quindi per il sostegno economico del Vietnam, della Thailandia e in minor parte della Birmania.
E’ un pesce d’acqua dolce ed è classificato come pesce magro ma contiene pochi omega 3 rispetto ai filetti di trota, salmone, orate e spigole, alici, sardine. Viene utilizzato spesso anche perchè è ritenuto un pesce economico.

Ingredienti:
filetti di pangasio
farina
pepe rosa
olio
aglio
prezzemolo
sale
limone
PREPARAZIONE:
Salate ed infarinate i filetti di pangasio. Mettete in una padella l’olio, l’aglio ed aggiungete i filetti con il succo di un limone ed il pepe rosa e lasciate cuocere. A cottura ultimata aggiungete il prezzemolo e servite.

BASTONCINI DI SALMONE SU PATATE ALLA JULIENNE

BASTONCINI DI SALMONE SU PATATE ALLA JULIENNEIl salmone è probabilmente il pesce più conosciuto del mondo. Ha una carne molto pregiata, dal sapore delicato e caratteristico. La parte migliore del salmone è quella centrale. Un pesce fresco ha un odore delicato e gradevole, l’aspetto brillante e carni compatte prive di striature rosse. Le branchie devono essere rosate e l’occhio sporgente con pupilla nera, non arrossata. Il colorito delle carni, più o meno rosato, deve comunque essere uniforme; la presenza di zone più o meno pigmentate è infatti caratteristica del pesce surgelato all’origine.

Ingredienti:

salmone fresco

patate

cipolla

prezzemolo

farina

sale

pepe

PREPARAZIONE:

Sbucciate e tagliate alla julienne le patate e mettetele in una padella insieme all’olio, la cipolla, il sale ed il pepe e fate cuocere. Nel frattempo tagliate a bastoncini il salmone, salatelo, pepatelo, infarinatelo e mettetelo in una padella con un poco di olio e fatelo cuocere pochi minuti. Impiattate mettendo una base di patate con sopra i bastoncini di salmone ed infine aggiungete il prezzemolo con una spolveratina di pepe.

 

 

Me

 

Il consiglio di Laura:

Il salmone si abbina molto bene al pepe rosa.

 

BACCALA’ AI FUNGHI PORCINI E PATATE

Baccalà ai funghi porcini e patate

Il baccalà è un merluzzo salato e stagionato. Il baccalà è elemento essenziale di molte cucine popolari, nelle quali il suo utilizzo si alterna a quello dello stoccafisso che è sempre merluzzo, ma conservato mediante essiccazione.

Tanto il baccalà quanto lo stoccafisso, per essere utilizzabili, hanno bisogno di una lunga immersione in acqua fredda, che provvede ad eliminare il sale per il primo e a restituire ai tessuti l’originale consistenza per il secondo.

Di seguito vi propongo un piatto di baccalà che ho cucinato abbinando il sapore del pesce ai funghi porcini e alle patate…a me è piaciuto molto!!! e a voi? 🙂

Ingredienti per 4-6 persone:

1 kg. baccala’

1 kg. patate

100 gr.Funghi porcini secchi

1 cipolla

1 spicchio d’aglio

Olio

Sale

Pepe

PREPARAZIONE:

Mettete in un recipiente pieno d’acqua il baccalà e lasciatelo ammorbidire per almeno 12 ore, cambiando l’acqua di tanto in tanto. Scolatelo e fatelo cuocere nell’acqua bollente per circa 20 minuti.

Scolatelo, spellatelo, spinatelo e riducetelo in pezzi.

Pulite ed affettate le patate e mettetele in una padella unitamente all’olio, l’aglio e la cipolla e fatele rosolare. Nel frattempo mettete nell’acqua i funghi secchi e fateli ammorbidire. Versate nella padella anche i funghi con un po’ di acqua d’ammollo stando attenti a non mettere anche le impurità (potete filtrare l’acqua con un colino a maglie fitte). Lasciate insaporire mescolando per qualche minuto. Unite il baccalà e fate cuocere per circa 30 minuti. Infine regolate il sale se occorre ed unite il pepe ed il prezzemolo.

BACCALA’ ALLE OLIVE E CAPPERI

10572268_10203464363593330_1154247865932916139_oIl baccalà è un merluzzo salato e stagionato. La salagione ne consente la conservazione per lungo tempo, e per questo viene impiegata fin da tempi lontanissimi per consentire il trasporto e la consumazione del pesce in luoghi anche molto distanti da quelli d’origine. Sembra che la procedura di salagione del baccalà si debba attribuire ai pescatori baschi che, seguendo i branchi di balene e arrivati al Mare del Nord, si imbatterono in enormi banchi di merluzzo verso l’isola di Terranova e usarono per questo pesce il procedimento di conservazione già da essi usato per la carne di balena.

Il baccalà è elemento essenziale di molte cucine popolari, nelle quali il suo utilizzo si alterna a quello dello stoccafisso che è sempre merluzzo, ma conservato mediante essiccazione.

Tanto il baccalà quanto lo stoccafisso, per essere utilizzabili, hanno bisogno di una lunga immersione in acqua fredda, che provvede ad eliminare il sale per il primo e a restituire ai tessuti l’originale consistenza per il secondo.

Di seguito vi propongo uno dei piatti che normalmente preparo con il baccalà…spero vi piaccia!!! 🙂

 

Ingredienti per 4 persone:

750 gr. di baccala’

25 gr. Capperi

5 filetti di acciuga

100 gr olive taggiasche

Olio

Vino bianco

2 spicchi d’aglio

Cipolla ½

Sale

Pepe

Prezzemolo

Pomodoro

PREPARAZIONE:

Tritate finemente la cipolla, il prezzemolo e metteteli in una padella con l’olio, gli spicchi d’aglio schiacciati e fate rosolare bene a fiamma moderata, poi unite il baccalà dissalato (dopo averlo tenuto nell’acqua almeno una giornata) tagliato a pezzi, le acciughe, le olive, , i capperi, il sale ed il pepe. Fate insaporire il tutto per qualche minuto, poi bagnate con il vino bianco e coprite la padella facendo cuocere il baccalà per circa un’ora. Impiattate e decorate con una foglia di prezzemolo ed un pomodorino pachino tagliato.

CIUFFETTI DI CALAMARI AFFOGATI

10459000_10203526488586416_5610468377043631284_o

Difficoltà: bassa

Preparazione:  30 min Cottura: 25 min Dosi per: 2 persone Costo: basso Ingredienti 500gr di ciuffetti di calamari 200gr di polpa di pomodoro sale 1 pizzico di peperoncino prezzemolo 1 spicchio d’aglio 1 quarto di cipolla 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva PREPARAZIONE Lavate accuratamente e pulite i ciuffetti di calamaro, metteteli in una padella con 2 cucchiai di olio, la cipolla e l’aglio. Dopo circa 5 minuti aggiungete ai ciuffetti di calamaro, la polpa di pomodoro e mescolate; a questo punto aggiungete il peperoncino ed il sale (un pizzico perché solitamente il pesce è già abbastanza saporito). Cuocete il tutto per una ventina di minuti, mescolando di tanto in tanto. Quando i ciuffetti saranno quasi cotti aggiungete il prezzemolo. Impiattate e servite caldi! Arricchite il piatto con del  pancarrè tostato e condito con olio ed origano.

CALAMARI RIPIENI

DSCN5234

I calamari ripieni sono un piatto classico e gustosissimo della cucina mediterranea e italiana. La loro preparazione sembra complicata, in realtà, con un po’ di manualità si può preparare questa ricetta in 30-40 minuti. Per il ripieno, suggerisco una procedura classica, a base di pangrattato, olive e capperi.

Difficoltà: media

Preparazione:  30/40 min

Cottura: 15 min

Dosi per: 4 persone

Costo: medio

INGREDIENTI per 4 persone:

4 calamari grandi oppure 8 medi

4 cucchiai di pangrattato

2 spicchi di aglio

1/2 bicchiere di vino bianco

sale, pepe, olio e prezzemolo q.b.

olive nere

acciughe

capperi

PREPARAZIONE

Si inizia pulendo i calamari estraendo la “testa” del calamaro tirando in modo da togliere le interiora. Eliminate la conchiglia trasparente e la pelle esterna. Sciacquate e tagliate i tentacoli a piccoli pezzetti che cucinerete a parte per il ripieno dei vostri calamari. Quindi mettete in una padella i tentacoli a pezzetti con l’aglio tritato e l’olio e fateli rosolare per alcuni minuti. Sfumate con il vino e aggiungete il pan grattato con del prezzemolo, sale e pepe a vostro piacimento. Unite infine ai tentacoli anche capperi,olive e due acciughe.

Dopo la cottura in padella, mettete il ripieno nei calamari aiutandovi con un cucchiaino e chiudeteli con degli stuzzicadenti. In una padella scaldate l’olio con uno spicchio d’aglio e cuocete i calamari sfumando con il vino bianco. A cottura ultimata, metteteli nel piatto e servite.