Archivi

TROFIETTE ALLA PRIMAVERA

trofiette-alla-primaveraOggi vi propongo un piatto super veloce che ho preparato l’estate scorsa ricordando questo condimento senza cottura che faceva mia madre e che chiamava “alla primavera”. Ovviamente non è la stagione adatta per prepararlo ma è sempre una buona idea che si potrà realizzare magari in “primavera” :-).

Ingredienti

Trofiette

Pomodori pachino o piccadilly

Basilico

Sale

Olio extra vergine d’oliva

Aglio

Pepe

PREPARAZIONE

Mettete in un recipiente ad insaporire i pomodorini tagliati a pezzetti, il basilico, l’aglio, il sale, il pepe ed irrorate con un pochino di olio. Amalgamate il tutto e nel frattempo cuocete la pasta aggiungendo qualche goccia di olio per non farla attaccare. A cottura ultimata scolate bene le trofie e lasciatele raffreddare per qualche minuto. Unite la pasta al condimento. Questo piatto si mangia freddo.

 

RISOTTO CON ZUCCA E TALEGGIO

risotto-con-zucca-e-taleggioIl risotto alla zucca e taleggio è un primo piatto dalla consistenza cremosa e unisce al sapore delicato della zucca quello più deciso del taleggio che conferirà al piatto anche un’ulteriore cremosità. La zucca può essere considerata l’ortaggio autunnale per eccellenza ed il suo gusto tendenzialmente dolce e la sua cremosità la rendono perfetta per i risotti.

Ingredienti

Scalogno tritato

Taleggio

Parmigiano

Brodo vegetale

vino bianco

Zucca

Riso Carnaroli

Olio

PREPARAZIONE

Mettete in un tegame lo scalogno tagliato finemente, con un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva e fatelo soffriggere per pochi minuti. Aggiungete il riso carnaroli e la zucca e fate “tostare” il riso e insaporire la zucca su fiamma vivace per circa 2 minuti. A questo punto aggiungete il vino bianco ed attendete che il tutto si sfumi.

Appena sfumato il vino, cominciate ad aggiungere il brodo vegetale precedentemente preparato, fino al termine della cottura.

Spegnete 2-3 minuti prima della fine della cottura  ed aggiungete al riso e alla zucca il taleggio (a temperatura ambiente) e mantecate. Infine spolverate abbondantemente  con il parmigiano.

Impiattate e buon appetito!!! 🙂

 

GNOCCHETTI DI STRACCHINO AL GORGONZOLA E NOCI

gnocchetti-di-stracchinoGli gnocchetti di stracchino sono una preparazione molto semplice e gustosa. Provateli! 🙂 Io li ho preparati con un condimento realizzato con il formaggio gorgonzola e delle noci ma potete sbizzarrirvi come volete a vostro piacimento.

Ingredienti:

Stracchino

Sale

Pepe

Noce moscata

Farina

Gorgonzola

Noci

Parmigiano

 

PREPARAZIONE:   

In un recipiente mettete lo stracchino, il sale, il pepe, la noce moscata e amalgamate il tutto. Aggiungete la farina quanto basta per ottenere un morbido impasto (tipo gli gnocchi di patate). Formate dei cilindretti che taglierete a gnocchetti oppure formate delle palline. Mettete una pentola di acqua sul fuoco. Appena alzerà il bollore salatela e  cuocete gli gnocchetti per qualche minuto (quando vengono a galla sono pronti). Scolateli delicatamente e metteteli nella padella dove precedentemente avrete sciolto il formaggio gorgonzola con l’aggiunta di qualche noce tritata. Insaporiteli e decorate con qualche gheriglio di noce e una spolverata di parmigiano.

 

Il consiglio di Laura:

per allungare un pochino il condimento potete aggiungere del latte o l’acqua di cottura degli gnocchetti.

GNOCCHI DI PATATE CON FUNGHI PORCINI E ZAFFERANO

gnocchi-di-patate-ai-funghi-porcini-e-zafferano

Nella città di Roma gli gnocchi rappresentano il piatto tradizionale del giovedì, seguendo il detto “Giovedì gnocchi”. A questa ricetta sono legati tantissimi ricordi di quando li preparava la mia mamma che impastava, arrotolava, tagliava e “incavava” decine e decine di gnocchi che poi condiva con il suo favoloso ragù.Un piatto tipico delle tavole italiane, gli gnocchi di patate fatti in casa sono semplicissimi e per prepararli non ci vuole nemmeno molto tempo, basta avere una pentola, un pelapatate ed infine, la spianatoia o un piano su cui impastare e dare forma ai vostri gnocchi.

Ingredienti:

-1 kg di patate

– farina q.b.

-1 uovo

– sale

Per il condimento:

  • funghi porcini (io ho usato quelli secchi)
  • aglio
  • sale
  • prezzemolo
  • zafferano
  • parmigiano

Preparazione

Mettete una pentola sul fuoco e aggiungete dell’acqua e le patate con la buccia dopo averle lavate e lasciatele bollire per circa 30 minuti finché non saranno cotte. Accertatevi che siano cotte infilzando le patate con una forchetta che non deve fare resistenza. Scolate le patate e con tutta la buccia inseritele nel pelapatate e schiacciatele.Prendete la spianatoia di legno o un piano di lavoro e versate un pò di farina a fontana in modo da formare una montagnetta. Fate un buco nel centro e metteteci l’uovo intero, il sale e le patate schiacciate.Impastate e lavorate il composto aggiungendo farina se necessario finché non sarà omogeneo ed elastico. A questo punto, fate delle strisce di pasta, dei cilindretti lunghi e cominciate a tagliarli facendo al centro un piccolo incavo che servirà per raccogliere il condimento. Metteteli su un vassoio infarinato senza che si tocchino l’uno con l’altro e senza sovrapporli. Lasciateli riposare per circa 30 minuti per farli freddare bene ed asciugare. Nel frattempo preparate il condimento. Ammorbidite i funghi porcini mettendoli a bagno in un po’ di acqua. In una padella mettete l’olio e l’aglio e fatelo imbiondire. Aggiungete i funghi porcini con un po’ della loro acqua stando attenti a non inserire anche le impurità (potete aiutarvi con un colino). Infine aggiungete anche lo zafferano.La cottura degli gnocchi è velocissima. Mettete l’acqua in una pentola grande e appena bollirà mettete il sale e aggiungete gli gnocchi che saranno pronti in pochi minuti. Quando saranno venuti a galla, scolateli e versateli nella padella dove avete precedentemente preparato il condimento. Spolverizzateli a vostro piacere con il parmigiano.

MeIl consiglio di Laura:

Per la buona riuscita degli gnocchi di patate bisogna avere dei piccoli accorgimenti:

– La scelta delle patate è fondamentale per la riuscita degli gnocchi. Bisogna scegliere le patate vecchie, le nuove essendo molto acquose assorbirebbero troppa farina rendendo gli gnocchi gommosi. In genere si utilizzano quelle a pasta gialla o quelle rosse.

– La cottura delle patate deve essere fatta a fuoco non forte, per evitare che la buccia si spacchi e che quindi le patate s’impregnino d’acqua, per 20-30 minuti dall’inizio dell’ebollizione. Per controllare il  grado di cottura delle patate basta infilzarle con una forchetta e se non si sente resistenza fino al centro, sono cotte.

– La lavorazione deve essere fatta quando il passato di patate è tiepido e deve avvenire velocemente prima che la farina rilasci troppo amido indurendo così l’impasto.

– La quantità di farina da utilizzare è puramente indicativa visto che ogni patata ha la sua capacità di assorbimento quindi meglio iniziare con una piccola dose per poi aggiungerne man mano dell’altra.

– L’impasto è pronto quando risulterà bello morbido ma non appiccicoso.

SPAGHETTI CACIO, PEPE E MENTA

Spaghetti cacio, pepe e mentaLa pasta cacio e pepe è un piatto tipico romano. Contiene solo due ingredienti anche se io in questo piatto ho aggiunto anche un terzo ingrediente: la menta. Per avere un buon risultato bisogna seguire alcuni passaggi obbligatori. Soprattutto non bisogna mai mantecare la pasta sul fuoco ma in un recipiente.

Ingredienti per 4 persone:   

400 grammi di spaghetti

200 grammi di pecorino romano grattugiato

10 grammi di pepe nero macinato

6 foglie di menta

sale

PREPARAZIONE:

Cuocete gli spaghetti in acqua salata e nel frattempo versate in un contenitore il pecorino romano, il pepe nero e la menta sminuzzata. Togliete la pasta al dente e mantenete l’acqua di cottura che servirà per mantecare il piatto. Versate gli spaghetti nel contenitore dove avete messo la miscela di pecorino, pepe e menta e cominciate a versare con un mestolo l’acqua di cottura poca per volta, amalgamando gli spaghetti. Servite subito la pasta per evitare che si raggrumi.

SPAGHETTONI ALLE ACCIUGHE, OLIVE E CAPPERI

Spaghettoni alle acciughe, olive e capperiUn piatto per gli amanti dei sapori decisi 🙂

Ingredienti:

Spaghettoni

Olive taggiasche

Acciughe

Capperi

Aglio

Peperoncino

Prezzemolo

Sale

PREPARAZIONE:

Mettete in una padella l’olio e l’aglio; fate imbiondire l’aglio e toglietelo, aggiungete le acciughe, le olive taggiasche, una manciatina di capperi. Condite con pochissimo sale e peperoncino. Mescolate e continuate la cottura per un paio di minuti. Nel frattempo cuocete gli spaghettoni con abbondante acqua salata. A cottura ultimata scolateli e metteteli nella padella insieme al sugo che avete preparato, aggiungendo due mescoli di acqua di cottura ed amalgamate il tutto su fuoco medio aggiungendo infine il prezzemolo.

 

 

 

RISOTTO CON RADICCHIO, GUANCIALE E GORGONZOLA

Risotto al radicchio, guanciale e gorgonzolaQuest’anno mio marito mi ha preparato un super-orto ricco di ogni tipo di verdura ed ogni giorno vado a raccogliere ciò che la terra mi dona….questa volta ho raccolto il radicchio ed ho preparato questo risottino…Da leccarsi i baffi!!! 🙂

Ingredienti:

Riso

Cipolla

Radicchio

Guanciale

Gorgonzola

Brodo

PREPARAZIONE:

Mettete in un tegame la cipolla tagliata alla julienne, aggiungete il guanciale ed il radicchio tagliato finemente e lasciate cuocere per qualche minuto amalgamando bene gli ingredienti . Aggiungete il riso e tostatelo per circa due minuti con gli altri ingredienti. Poi cominciate ad aggiungere il brodo per la cottura. Pochi mestoli per volta facendo attenzione a non far attaccare mai il riso al tegame. Dopo circa 20 minuti quasi a cottura ultimata aggiungete il formaggio gorgonzola per mantecare. Servite subito caldo appena si sarà sciolto il formaggio e se volete aggiungete anche una spolveratina di parmigiano.

RISOTTO ALLE ALICI, CAPPERI ED OLIVE TAGGIASCHE

Risotto con alici, capperi ed olive taggiascheMi piace preparare i risotti sia mantecati che all’onda. Li trovo gustosissimi con una varietà infinita di ingredienti. Ho sperimentato questo condimento e devo dire che mi è piaciuto molto…e voi che ne dite?

Ingredienti:

Riso

Alici

Aglio

Capperi

Olive taggiasche

Olio

Prezzemolo

Brodo vegetale

PREPARAZIONE:

Mettete in un tegame l’aglio con un pochino d’olio e fatelo imbiondire poi aggiungete le alici, i capperi ed il riso e tostate quest’ultimo per 2 minuti circa, aggiungete il brodo un po’ per volta e portate a cottura il risotto sempre rimestando con cura per non farlo attaccare. Quasi a cottura ultimata aggiungete le olive taggiasche ed il prezzemolo. Per una buona mantecatura potete aggiungere una noce di burro (io lo preferisco senza per non coprire gli altri sapori). Lasciate riposare per qualche minuto e cospargete di parmigiano (a piacere) e servite immediatamente.

 

ORECCHIETTE AL RADICCHIO, SPECK E TALEGGIO

Orecchiette radicchio, speck e taleggioLe orecchiette sono un tipo di pasta tipico della regione Puglia, la loro forma ricorda quella di piccole orecchie, da cui deriva appunto il nome. Si presentano come una piccola cupola di colore bianco, con il centro più sottile del bordo e con la superficie ruvida. Ne esiste anche una versione realizzata senza la forma di cupola, meglio conosciuta come “strascinati”. In tutte le varianti, si realizzano utilizzando esclusivamente farina di grano duro, acqua e sale.Le classiche sono realizzate con le cime di rapa ma esistono tante varianti di condimento. In questo piatto vi propongo l’abbinamento radicchio, speck e taleggio.
Ingredienti:
Orecchiette
Speck
Radicchio
Taleggio
Cipolla
Olio
Parmigiano
Sale
PREPARAZIONE:
Mettete in una padella l’olio, la cipolla e fate soffriggere, aggiungete il radicchio e lo speck e cuocete per 15 minuti salando leggermente.
Mettete una pentola sul fuoco con abbondante acqua salata, portatela ad ebollizione e fatevi cuocere le orecchiette. Scolatele al dente e versatele nella padella insieme agli altri ingredienti aggiungendo anche il taleggio. Amalgamate il tutto aggiungendo anche un po’ di acqua di cottura della pasta e quando anche il taleggio si sarà sciolto, impiattate ed ultimate la ricetta con una spolverata di parmigiano.
 Me Il consiglio di Laura
Sono ottime anche con la provola affumicata al posto del taleggio.

SPAGHETTI ALLO SGOMBRO CON OLIVE, CAPPERI E POMODORINI

Spaghetti con sgombro, olive, capperi e pomodorini

Un piatto molto gustoso con sapori decisi.
Ingredienti per 4 persone:
350 gr. di spaghetti
250 gr. di filetti di sgombro
Capperi
Olive taggiasche
Pomodori pachino
2 spicchi d’ aglio
6 Acciughe
Prezzemolo
Sale
Pepe

PREPARAZIONE:
Mettete in una padella l’olio e l’aglio; appena l’aglio imbiondisce toglietelo ed aggiungete le acciughe, lo sgombro, le olive taggiasche, una manciatina di capperi ed i pomodori pachino tagliati a metà. Condite con pochissimo sale e pepe. Mescolate e continuate la cottura per un paio di minuti. Nel frattempo cuocete gli spaghetti con abbondante acqua salata. A cottura ultimata scolateli e metteteli nella padella insieme al sugo che avete preparato, aggiungendo due mescoli di acqua di cottura ed amalgamate il tutto su fuoco medio aggiungendo infine il prezzemolo.